Samsung spiega il sistema di raffreddamento all’interno del Note 9

Samsung ha descritto dettagliatamente il sistema di raffreddamento a carbonio e acqua all’interno del Galaxy Note 9, confermando la precedente speculazione sull’installazione basata sulla stessa tecnologia che ha debuttato per la prima volta all’interno della linea Galaxy S7 all’inizio del 2016.

Galaxy Note 9 è dotato di un diffusore termico che secerne acqua. Il modulo è stato progettato per assorbire il calore generato da batteria e chip per poi trasformarlo in vapore. Dopo che lo smartphone è stato raffreddato, il vapore si condensa nuovamente in acqua, viene riassorbito dallo spargitore e il processo può ricominciare nuovamente.

Il sistema di raffreddamento a carbone d’acqua del Galaxy Note 9 utilizza una meccanica in gran parte identica, ma è notevolmente più grande, come già rivelato da un certo numero di teardown. Samsung ha anche inserito uno strato di rame tra i due materiali di interfaccia termica (TIM) che costituiscono il tubo di raffreddamento in modo da migliorare la sua capacità di trasferire calore. Il volume della nuova pipa è anche più di 2,7 volte più grande rispetto alla soluzione trovata all’interno del Galaxy S9, che dovrebbe avvantaggiare la capacità del telefono di rimanere freddo per lunghi periodi di elaborazione pesante e migliorare la velocità del processo di raffreddamento iniziale.

Il Galaxy Note 9 è stato ufficialmente annunciato il 9 agosto.